Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una missionaria svizzera è stata rapita la notte scorsa a Timbuctù, nel Mali, da uomini armati. La basilese viveva nel Paese africano da diversi anni e vi era già stata sequestrata nel 2012 da elementi islamisti e liberata dopo nove giorni.

"Siamo a conoscenza del presunto sequestro di una cittadina svizzera in Mali", ha indicato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) all'ats, limitandosi ad aggiungere che la rappresentanza elvetica sul posto è in contatto con i servizi pubblici locali.

La cittadina svizzera, Beatrice S., è stata sequestrata al suo domicilio a Timbuctù da uomini armati, ha indicato oggi a più agenzie stampa il portavoce dell'esercito maliano Souleymane Maiga: "Hanno bussato vigorosamente alla porta, lei ha aperto. E sono partiti con lei", ha detto all'Afp.

La donna era già stata prelevata dalla sua abitazione a Timbuctù il 15 aprile 2012 da elementi del gruppo islamista Ansar Dine e liberata il 24 aprile successivo grazie in particolare a una mediazione del Burkina Faso.

Secondo quanto riferito allora in notizie di stampa, la cittadina elvetica è assai nota in città per la sua attività di diffusione del cristianesimo, ma anche per il suo impegno sociale. Il pastore Nock Ag Infa Yattara, rappresentante della Chiesa battista a Timbuctù, aveva indicato il 16 aprile 2012 alla RSI che non si trattava di "una religiosa della Chiesa protestante" e che Beatrice S. "svolgeva attività missionaria in modo autonomo, anche attraverso l'assistenza ai bambini in un quartiere periferico".

Due ostaggi a loro volta rapiti a Timbuctù nel 2011 dal gruppo Al Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi), un sudafricano e uno svedese, sono tuttora tenuti prigionieri, aggiunge l'Afp.

In Mali, ex colonia francese, è in corso una guerra civile iniziata a marzo del 2012 con il nord controllato dal Movimento Nazionale di Liberazione dell'Awazad (i tuareg), poi sopraffatto da forze islamiste come Ansar Dine, Aqmi e il Mujao (Movimento per l'Unicità e il Jihad nell'Africa).

A gennaio 2013, su iniziativa della Francia, venne lanciata l'operazione Serval per conquistare il controllo del nord del Paese dove però restano ancora attive sacche di resistenza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS