Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mitsubishi ha annunciato la cessione dell'impianto automobilistico in Olanda a Vdl Groep, produttore locale di autobus e macchine industriali, al prezzo simbolico di 1 euro, a condizione che siano salvati i 1.500 posti di lavoro.

La decisione, diffusa con una nota, è maturata a seguito delle valutazioni sulla apparente convenienza a disfarsi della struttura - anche di fatto a titolo gratuito - piuttosto che a licenziare i dipedenti e a demolire l'impianto.

La società nipponica, a completamento della transazione di fine agosto, stima l'iscrizione della perdita di "circa 28 miliardi di yen (quasi 280 milioni di euro, ndr) nell'esercizio fiscale 2012". L'acquirente olandese, secondo fonti di mercato, sarebbe da parte sua nelle fasi finali delle trattative con la Bmw per la firma di un accordo sull'assemblaggio della popolare Mini grazie alla parziale riconversione dello stabilimento.

Mitsubishi, sospendendo a febbraio l'attività di costruzione di auto presso la fabbrica, ha concluso la sua esperienza in Europa, alle prese con la crisi del debito sovrano, spostando l' attenzione verso le economie emergenti, quali la Thailandia, dove le vendite sono vivaci.

Lo stabilimento olandese, specializzato nella produzione di vetture compatte e suv, è stato inaugurato nel 1991 come joint venture tra Mitsubishi e la svedese Volvo, finendo poi nel controllo totale del costruttore giapponese nel 2001.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS