Navigation

MO: Cpi apre inchiesta per crimini di guerra nei Territori

La procuratrice Fatou Bom Bensouda in una foto d'archivio. KEYSTONE/MARCEL BIERI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 dicembre 2019 - 16:21
(Keystone-ATS)

La procuratrice capo della Corte penale internazionale (Cpi), con sede all'Aja, Fatou Bensouda ha annunciato di avere aperto un'inchiesta "per crimini di guerra" nei territori palestinesi.

"Sono convinta che vi sia una base ragionevole per avviare un'indagine sulla situazione in Palestina ai sensi dell'articolo 53-1 dello Statuto", ha scritto. "In sintesi, sono convinta che crimini di guerra sono stati o vengono commessi in Cisgiordania, in particolare a Gerusalemme est, e nella Striscia di Gaza".

Immediata la reazione di Israele: la decisione costituisce "un giorno nero per la verità e la giustizia", ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu, secondo cui è "una decisione senza basi e oltraggiosa".

Una mossa che "ignora la storia e la verità quando sostiene che l'atto stesso che gli ebrei vivano nella loro patria ancestrale, la terra della Bibbia, sia un crimine di guerra". Netanyahu ha ribadito che "la Palestina non è mai stata uno Stato". "Non rimarremo in silenzio", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.