Navigation

MO: file segreti; Abu Mazen, una vergogna, nulla da nascondere

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2011 - 12:35
(Keystone-ATS)

I palestinesi "non hanno nulla da nascondere" e quello che ha fatto Al Jazira divulgando i cosiddetti 'Palestinian papers' è "una vergogna", è stato "premeditato". Lo ha detto il presidente dell'Anp, Abu Mazen, al termine del suo colloquio con il presidente egiziano Hosni Mubarak.

"Tutti i Paesi arabi - ha affermato Abu Mazen - conoscono i contenuti dei nostri negoziati e le questioni che esaminiamo. A loro presentiamo i risultati dettagliati del nostro lavoro".

Secondo quanto reso noto ieri da al-Jazira, l'Autorità nazionale palestinese ha offerto segretamente a Israele "enormi concessioni" su Gerusalemme nel 2008 e nel 2009, che lo Stato ebraico ha poi rifiutato.

In un incontro trilaterale del 15 giugno 2008, scrive al-Jazira, l'ex premier dell'Anp Ahmed Qurei propone - alla presenza di Condoleezza Rice, l'allora segretaria di Stato americana, e Tzipi Livni, ministra degli esteri israeliana dell'epoca - l'annessione da parte di Israele di "tutti gli insediamenti di Gerusalemme tranne Jabal Abu Ghneim (Har Homa)", sottolineando che si tratta della prima volta nella storia che l'Anp arriva a tanto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?