Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo oltre 40 giorni è terminato oggi lo sciopero della fame dei membri di al-Fatah detenuti in Israele indetto dal loro dirigente Marwan Barghouti. Lo rende noto il servizio carcerario israeliano.

Secondo i media nella notte è stato raggiunto un accordo fra Israele, Anp e la Croce rossa che prevede "benefici di carattere umanitario" per i palestinesi detenuti in Israele. Questo sviluppo è giunto in concomitanza con l'inizio del digiuno del Ramadan.

Da parte palestinese, secondo la agenzia di stampa Maan, la fine dello sciopero è stata confermata da due dirigenti dell'Anp, Issa Karake e Cadura Fares. Secondo Maan, ieri Barghouti è stato condotto nel carcere di Ashqelon (a sud di Tel Aviv) dove per ore ha condotto le trattative che hanno portato alla firma di un accordo.

Secondo le prime indiscrezioni, i detenuti hanno ottenuto fra l'altro un aumento delle visite familiari, la installazione di telefoni pubblici e l'accesso ad un maggior numero di canali televisivi.

Alcuni media ritengono che alla conclusione della protesta di massa - a cui hanno aderito un migliaio di detenuti, per lo più di al Fatah - abbia contribuito la visita del presidente Donald Trump il quale avrebbe chiesto ad Israele di mostrare flessibilità in un momento in cui egli cerca di rilanciare trattative di pace.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS