Israele progetta una nuova colonia in Cisgiordania, in seguito all'uccisione di tre ragazzi ebrei. Lo ha anticipato la radio militare, secondo cui le autorità militari si accingono a proclamare "aree demaniali" 400 ettari di terre nella zona di Betlemme.

La proclamazione di quelle terre in aree demaniali richiederà almeno 45 giorni, durante i quali sarà possibile presentare ricorso.

Molto critica la prima reazione di Peace Now, secondo cui quello che è oggi un istituto educativo israeliano in Cisgiordania, Ghevaot, "diventerà una città con migliaia di abitanti". "Israele - afferma il direttore generale di Peace Now, Yariv Oppenheimer - pugnala così alla schiena il presidente palestinese Abu Mazen e i palestinesi moderati".

Secondo la radio militare, la decisione di estendere nella zona di Betlemme la presenza ebraica è stata presa dal ministro della difesa Moshe Yaalon in seguito al rapimento e uccisione lo scorso giugno in quella zona di tre ragazzi ebrei da parte di una cellula risultata in seguito affiliata a Hamas.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.