Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Miliziani palestinesi hanno sparato stasera un razzo da Gaza in direzione di Israele, ma l'ordigno è caduto all'interno della Striscia. Lo riferiscono fonti locali secondo cui non si segnalano vittime. Ancora non ci sono rivendicazioni.

L'attacco è avvenuto comunque poco dopo che il portavoce dell'ala militare di Hamas a Gaza, Abu Obeida, aveva lodato l'attentato compiuto oggi a Gerusalemme da un adolescente palestinese. Il 19enne ha attaccato una famiglia di ebrei ortodossi diretti a pregare al Muro del Pianto a Gerusalemme ferendone mortalmente due, prima di essere ucciso a sua volta dagli agenti di polizia.

Tra le vittime dell'aggressione oltre i morti, una giovane donna e anche un bambino di due anni le cui condizioni non sarebbero però gravi.

Israele è così ripiombata nell'incubo terrorismo - nel giorno di shabbat - a sole 48 ore dall'uccisione in Cisgiordania di un padre e di una madre crivellati in un agguato a colpi di arma da fuoco vicino Beit Furik, tra gli insediamenti di insediamenti di Alon Moreh e Itamar. Oggi l'esercito e lo Shin Bet hanno annunciato "progressi significativi nelle indagini su quegli omicidi.

Le immagini video agghiaccianti dell'attentato di stasera a Gerusalemme, riprese con un telefonino, sono state postate da ignoti su Facebook. Di fronte alla situazione il premier Benyamin Netanyahu ha reso noto di aver convocato due riunione lunedì con i vertici della sicurezza e il consiglio di difesa per fronteggiare gli eventi.

Da Gaza il portavoce dell'ala militare di Hamas - come fatto per i fatti di Beit Furik - ha plaudito all'attentato di Gerusalemme e sostenuto che "si tratta di una reazione naturale ai crimini perpetrati dai coloni nella moschea al-Aqsa di Gerusalemme". E lo stesso autore dell'assalto di stasera - avvenuto nei pressi della Porta dei Leoni in Città Vecchia, luogo di norma frequentato da molti turisti - aveva scritto su Facebook di aver deciso di passare all'azione perché "indignato dalla situazione nella moschea al-Aqsa".

Il palestinese, di un villaggio nei pressi di Ramallah, ha prima aggredito a coltellate il gruppo di ebrei ortodossi, ferendone quattro (tra cui il bambino) poi ha preso la pistola di uno degli assaliti ed ha cominciato a sparare verso gli agenti non distanti; i poliziotti hanno reagito ed hanno sparato uccidendolo. I due uomini feriti sono stati trasportati con urgenza in ospedale dove sono poi morti. Le condizioni della giovane donna (circa 20 anni) sono definite "gravi ma non critiche".

I nuovi fatti di Gerusalemme - rivendicati dalla Jihad islamica - hanno calato una cappa di piombo su Israele: le tv e i media hanno dedicato molto spazio agli avvenimenti. A rendere ancora più tesa la situazione, il razzo lanciato stasera da Gaza verso Israele. Il capo dell'opposizione a Netanyahu, Isaac Herzog ha attaccato il premier accusato di "aver perso il controllo della sicurezza di Israele". "Il governo - ha aggiunto - non ha alcun piano per combattere il terrorismo" in quello che ha definito "l'inizio della Terza Intifada".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS