Navigation

MO: Usa; colonie Israele non contro diritto internazionale

Il segretario di Stato Usa Mike Pompeo, qui dietro al presidente Donald Trump, dovrebbe pronunciarsi a breve sulla questione israelo-palestinese KEYSTONE/AP/PATRICK SEMANSKY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 novembre 2019 - 21:38
(Keystone-ATS)

Gli Usa non considerano più contrarie al diritto internazionale le colonie israeliane in Cisgiordania: lo ha detto il segretario di stato Mike Pompeo in una conferenza stampa.

"Dopo aver esaminato attentamente tutti gli argomenti di questo dibattito giuridico, abbiamo concluso che l'insediamento delle colonie di civili in Cisgiordania non è contrario al diritto internazionale", ha spiegato, rinnegando un'opinione legale del dipartimento di stato che risale al 1978.

Pompeo ha aggiunto di sperare che gli Usa siano in grado di far avanzare in breve tempo la presentazione del piano di pace per il Medio Oriente.

La reazione da parte di Israele non si è fatta attendere. "La dichiarazione Usa riflette una verità storica: che il popolo ebraico non è colonialista straniero in Giudea e Samaria (Cisgiordania, ndr)", ha dichiarato l'ufficio del primo ministro Benyamin Netanyahu.

"Infatti, ha continuato l'ufficio del premier, noi ci chiamiamo ebrei, perché siamo il popolo della Giudea".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.