Navigation

Monaco: Charlene e Alberto, un figlio e poi addio, patto "segreto"

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2011 - 19:29
(Keystone-ATS)

Separati in viaggio di nozze: roba da principi, ed è quello che accade al cinquantatreenne ex scapolo irriducibile, Alberto di Monaco, e alla neo-consorte, principessa Charlene, di 20 anni più giovane di lui. Dopo la cerimonia del 2 luglio e le insistenti voci di una tentata fuga da parte di lei, le cose sarebbero state messe in chiaro: dopo l'erede, unico motivo dell'operazione, i due si separeranno.

Non accenna a placarsi la tempesta di voci sulla coppia monegasca, che doveva ripercorrere le tracce di quello che fu il matrimonio del secolo - fra Ranieri II e Grace Kelly - ma che sta facendo chiacchierare soprattutto per la mancanza di passione fra i due protagonisti. Il Palazzo di Monaco continua intanto a negare ogni problema fra i due e a minacciare querele a chi si ostinerà - e sono tanti - nel dipingere a tinte gelide il nuovo menage.

Ex campionessa di nuoto, Charlene Wittstock - che avrebbe provato a fuggire in aereo 10 giorni prima delle sontuose nozze - sarà infine libera di lasciare il Principe Alberto di Monaco quando gli avrà dato un figlio, legittimo erede al trono monegasco. Sarebbe questo 'patto segreto' tra Charlene e Alberto, raccontato oggi dal sito internet sudafricano Independent online, ad aver calmato la furia della principessa, scatenata probabilmente dalla scoperta di risvolti poco chiari nel passato e nei rapporti avuti in precedenza dal principe Alberto.

"Una volta che sarà assicurata la successione al trono, entrambi potranno tornare ad essere liberi. Il divorzio - dice la fonte - è una tradizione della famiglia Grimaldi". Basti pensare alle sorelle di Alberto, Carolina divorziata da Philippe Junot (il primo marito, ndr), Stephanie divorziata prima da Daniel Ducruet poi dall'artista di circo Adans Lopez Peres. Fra questi due mariti, una figlia fuori dal matrimonio con una ex guardia del corpo, Jean Raymond Gottlieb.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?