Navigation

Monaco: Macron, la democrazia europea è in crisi

Il presidente francese Emmanuel Macron si trova a Monaco di Baviera per la Conferenza sulla sicurezza (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/Rafael Yaghobzadeh sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2020 - 13:11
(Keystone-ATS)

"Oggi c'è una crisi della democrazia europea, e della classe media". Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco 2020.

"C'è un indebolimento dell'occidente", ha detto ancora Macron usando parole che sono suonate come una replica alle affermazioni del segretario di Stato Usa Mike Pompeo, secondo il quale "l'occidente vince". Macron ha anche affermato che gli Usa "hanno ripensato le loro relazioni con l'Europa".

"Spero in una nuova dinamica europea e una nuova ambizione in Europa", ha continuato con "risposte veloci" sulla sovranità europea. "Se non c'è alcuna prospettiva per la classe media non andiamo avanti", ha aggiunto.

"Noi abbiamo bisogno della Nato, è chiaro", ha poi aggiunto il presidente francese nella città tedesca. "Quando parlo di sovranità europea questo viene frainteso", ha aggiunto. Questa non è intesa come un'alternativa alla Nato, ha spiegato, l'Europa deve poggiare la sua difesa "su due pilastri, la Nato e la difesa europea".

"Cina e Usa investono massicciamente sul loro futuro", "investono più velocemente di noi", ha poi detto Macron, rispondendo alle domande dell'ambasciatore Wolfgang Ischinger, chairman del forum. Il presidente francese ha sollecitato l'Europa a fare altrettanto.

"Non voglio guidare Frau Merkel né esserne guidato", ha poi indicato Macron, rispondendo a una domanda arrivata dal pubblico. ll "dna dell'Europa" sta proprio nel rifiutare che vi sia l'egemonia di qualcuno.

"Se Francia e Germania non sono d'accordo però, l'Europa non va avanti", ha anche affermato. Il presidente francese si è poi definito "impaziente" rispetto ai passi avanti dell'Ue, sul piano delle riforme che la renderanno più sovrana. "Non sono un soggetto portato per la frustrazione. E ci sono stati altri momenti storici in cui la Germania faceva proposte e attendeva le risposte dalla Francia", ha risposto in proposito a una domanda posta da Ischinger.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.