Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Due alpinisti, un venticinquenne spagnolo e una trentenne polacca, sono morti ieri per freddo e stanchezza sulla cresta di confine tra Italia e Svizzera, sull'itinerario che porta alla capanna Vallot, a poca distanza dalla cima del Monte Bianco. Due spagnoli che facevano parte della stessa cordata sono invece rimasti feriti e sono stati tratti in salvo grazie ad una cordata di soccorso organizzata dal gestore del rifugio da cui erano partiti per un'ascensione nel massiccio del Monte Bianco.

Entrambe le vittime sono state recuperate nella serata di ieri dal Soccorso Alpino valdostano e dal Soccorso Alpino della Guardia di finanza del Entreves. Gli altri due membri della cordata, invece, sono riusciti a scendere a valle e, dopo una caduta, sono stati avvistati dal gestore del rifugio del Gouter il quale ha immediatamente organizzato un'operazione di soccorso. Riaccompagnati al rifugio, i due sono feriti, ma non in pericolo di vita. Oggi, se le condizioni meteo lo permetteranno, è previsto il trasporto a Chamonix.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS