Navigation

Montenegro: da Belgrado in auto per protesta a frontiera

Manifestazione di protesta a Belgrado contro la nuova legge montegrina sulle chiese KEYSTONE/AP/Risto Bozovic sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 agosto 2020 - 06:56
(Keystone-ATS)

Una colonna di auto lunga cinque chilometri è partita stamane da Belgrado per raggiungere la frontiera con il Montenegro, dove si è svolta una nuova manifestazione di protesta contro la legge sulla libertà religiosa.

Il testo, adottato a inizio anno da Podgorica, è ritenuto da Belgrado discriminatorio nei confronti della Chiesa ortodossa serba, largamente diffusa in Montenegro, dove quasi il 30% della popolazione è di etnia serba.

I manifestanti indossavano magliette con scritte quali 'Non vi diamo le nostre chiese', 'Montenegro-Serbia, una sola famiglia'. La legge contestata prevede la possibile confisca di chiese, monasteri e altri beni e proprietà della Chiesa ortodossa serba in Montenegro, la cui Chiesa locale non è riconosciuta dalle alte gerarchie ortodosse internazionali.

Da mesi si susseguono proteste e manifestazioni sia in Serbia sia da parte della popolazione serba in Montenegro, con la legge religiosa che ha contribuito a deteriorare sensibilmente i rapporti tra i due Paesi vicini, legati da una Unione politica fino al 2006, quando il Montenegro con un referendum si rese indipendente.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.