La Corte d'assise del Cairo ha confermato la condanna a morte preliminare inflitta il mese scorso al deposto presidente egiziano, Mohamed Morsi, per l'evasione di massa del 2011. La sentenza, appellabile, è stata letta in tv.

La Corte ha inflitto una nuova condanna a morte anche per Mohamed Badie, la guida suprema della Fratellanza musulmana di cui Morsi è leader politico.

Il deposto presidente egiziano aveva partecipato ad una violenta evasione di massa dal carcere di Wadi el Natroun nel gennaio di quattro anni fa, all'inizio della rivoluzione anti-Mubarak.

Oltre alla condanna nel processo sullo spionaggio per Hamas, Morsi in aprile aveva ricevuto una sentenza a 20 anni di reclusione per aver ordinato la repressione di una protesta nel 2012.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.