Navigation

Morto Lucian Freud, rivoluzionò l'arte del ritratto

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2011 - 09:22
(Keystone-ATS)

Lucian Freud, uno dei pittori contemporanei più possenti, che ha rivoluzionato l'arte del ritratto e del nudo, è morto mercoledì sera, a 88 anni, nella sua casa londinese dopo una breve malattia. Lo ha reso noto il gallerista William Acquavella, agente del pittore, che ne ha dato notizia al "New York Times".

"Viveva per dipingere e ha dipinto fino all'ultimo della sua vita", ha detto il gallerista citato dalla Bbc.

Nato a Berlino l'8 dicembre 1922, Lucian - che era nipote di Sigmund Freud (suo nonno) - dopo l'ascesa al potere di Hitler si trasferì con la famiglia in Inghilterra nel 1933 e nel 1939 prese la cittadinanza e prestò poi servizio nella Marina mercantile britannica.

Sposato la prima volta nel 1948 con la figlia dello scultore Jacob Epstein, che dipinse in vari ritratti, nel secondo matrimonio, anche questo finito con un divorzio, sposò lady Caroline Blackwood. Lascia molti figli, legittimi e no. Gliene sono attribuiti - con esagerazione - una quarantina.

Fondamentale per il suo sviluppo artistico è stato l'incontro nei primi anni '50 con Francis Bacon - un altro "mostro sacro" dell'arte contemporanea - da lui ritratto in uno dei suoi lavori più famosi.

Nelle sue opere, spesso scioccanti per la crudezza dei particolari, amava ritrarre persone che conosceva bene, i suoi amici, le sue compagne, i suoi figli.

"Voglio che la pittura sia carne", affermava: una carne tormentata, ridondante, come quella strabordante dal divano sfondato su cui dorme una donna obesa (Sue Tilley), nel celebre quadro del 1995 "Benefits supervisor sleeping", acquistato nel maggio 2008 da Christiè. per circa 34 milioni di dollari.

Il suo pessimo carattere è immortalato nel mini autoritratto del 1978, battuto da Sotheby's per oltre tre milioni di dollari nel febbraio 2010, in cui si rappresenta con un occhio pesto, frutto di una lite con un tassista a Londra.

La sua ultima grande mostra è stata la primavera del 2010 al Centre Pompidou a Parigi. L'anno prossimo è prevista una sua grande retrospettiva nella capitale britannica in occasione delle Olimpiadi londinesi.

Lucian freud era anche legato alla famiglia di Rupert Murdoch: suo nipote Matthew, figlio di suo fratello Clement, ha sposato Elisabeth, figlia dello "squalo" Rupert.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?