Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOSANNA - Philippe Braunschweig, l'erede di una fortuna legata al business degli orologi e fondatore del Prix de Lausanne, rinomata competizione internazionale per giovani ballerini classici, è morto di tumore sabato scorso nella sua casa di Vevey (VD) all'età di 82 anni. Lo hanno annunciato oggi i giornali romandi.
Il Prix de Lausanne, fondato nel 1973 da Braunschweig, appassionato di balletti fin da giovanissimo, ha trovato rapidamente il suo spazio nel mondo della danza. Il concorso, promosso con la collaborazione di Rosella Hightower, non ha tardato a godere di una fama internazionale e ad attirare giovani speranze (dai 15 ai 18 anni) provenienti da tutto il mondo.
Dato il numero crescente di iscrizioni, nel 1997 è stato rivisto il sistema di selezione del Prix per far sì che i candidati siano giudicati in base al loro potenziale piuttosto che al loro valore attuale. La manifestazione, che si svolge ogni anno al Palais de Beaulieu, è stata resa popolare in molti Paesi grazie alle trasmissioni in diretta e in differita della televisione. Il Prix de Lausanne ricompensa i vincitori con borse di studio che permettono loro di seguire corsi in rinomate scuole di ballo o di unirsi a compagnie di balletto professionali.
Braunschweig è stato anche uno dei principali artefici del traferimento di Maurice Béjart a Losanna e della creazione del Béjart Ballet Losanne.

SDA-ATS