Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Buon compleanno, Ivan! Avrebbe compiuto 70 anni questo mese Ivan Graziani, il cantautore con la chitarra elettrica o, se si preferisce, il chitarrista che, nelle sue canzoni, ha saputo raccontare la provincia italiana come nessun altro.

Nato il 6 ottobre, Ivan è stato un artista sempre fuori dagli schemi, oltre le righe, capace di scrivere canzoni e romanzi, di disegnare fumetti e creare opere di cui andava molto fiero. Un personaggio che ha fatto della sua poliedricità la tara artistica che lo distingueva da tanti suoi colleghi: dotato di sensibilità e ironia uniche, attento osservatore di micro storie che riusciva a rendere esaltanti e intriganti nelle sue canzoni.

I concerti di Ivan erano un rito propiziatorio alla chitarra rock e il racconto ironico e coinvolgente dell'Italia meno evidente ma vitale - con le piazze, le aie e le vie di campagna, le donne dai nomi più o meno originali, con le colline e i campi a perdita d'occhio, le piccole città che vivono lente, con il Gran Sasso e l'Abruzzo sullo sfondo, ispiratori spesso e protagonisti a volte, in una geografia ideale e sghemba tracciata dalle sue canzoni - da Lugano e l'Olanda, fino a Modena, Siracusa e Firenze. Primo cantautore in assoluto a salire sul palco del Tenco nella primissima edizione del 1974; un album ("Pigro") considerato tra i 100 più belli della musica italiana dalla rivista Rolling Stone; una tecnica chitarristica che ha fatto scuola; due album-tributo, a rendergli omaggio molti dei grandi del pop e dell'indie; e canzoni come "Lugano Addio", "Firenze (Canzone triste)", "Monnalisa", "Maledette malelingue", "Signora bionda dei ciliegi", per citarne alcune delle più note, che rimangono nella memoria collettiva.

Proprio "Pigro" resta il suo manifesto, condiviso da un Paese rurale che s'industrializzava abbandonando i principi fondanti di quella società contadina: "Tu sai citare i classici a memoria/ Ma non distingui il ramo da una foglia/ Il ramo da una foglia. Pigro!/ "Una mente fertile" dici " è alla base"/ Ma la tua scienza ha creato l'ignoranza/ Ha creato l'ignoranza. Pigro!/.../ Tu castighi i figli in maniera esemplare/ Poi dici "Siamo liberi, nessuno deve giudicare. Nessuno deve giudicare" Pigro!".

Per i 70 anni di Ivan, varie le iniziative per ricordarlo: • la FESTA DI COMPLEANNO a TERAMO • la Ristampa del libro "ARCIPELAGO CHIETI" • la Pubblicazione su cd del live "PARLA TU" e, nei digital store, dell'album "PIKNIK" • la vendita del VINO "PIGRO" (come etichetta sulla bottiglia, la copertina dell'omonimo album) • continua il "PIGRO IN TOUR", in giro per l'Italia Martedi 6 ottobre, la sua città natale, Teramo (in Piazza Martiri della Libertà, dalle ore 18.30 ) lo celebrerà in una serata con tanti ospiti e colleghi, con le cover band e con la famiglia di Ivan, che con grande determinazione e contro ogni ostacolo ha lavorato per la festa di compleanno: ci saranno, infatti, anche Tommy e Filippo Graziani, che continuano con successo da alcuni anni a proporre il repertorio del papà (Filippo, in particolare, ha già un "Sanremo Giovani" alle spalle e una carriera da cantautore davanti, con un ottimo album d'esordio lo scorso anno, vincitore della Targa Tenco e del Premio Lunezia, e un nuovo lavoro di prossima pubblicazione).

In questi giorni, sarà ristampato per la prima volta su CD il suo live, "Parla Tu" (1982) uno dei primi dischi italiani rock dal vivo, di grande successo, compendio interessante di un repertorio unico, in bilico tra rock e ballate di rara bellezza, e nei digital store sarà finalmente disponibile anche "Piknik", album del 1986, l'ultimo pubblicato con la mitica "Numero Uno", con cui Ivan registrò ben nove dischi.

Prossimamente sarà dato alle stampe anche "Arcipelago Chieti", il romanzo che Ivan scrisse per raccontare con ironia l'anno di naja, il servizio militare a Chieti, un libro stampato molti anni fa e che i fan attendevano da tempo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS