Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bako Saakian, presidente uscente del Nagorno-Karabakh (il territorio a maggioranza armena disputato da Ierevan e Baku e dichiaratosi indipendente dall'Azerbaigian dopo il crollo dell'Urss nel 1991) ha vinto le elezioni presidenziali di ieri con il 66,7%, secondo dati preliminari non definitivi, con il 99,5% dei seggi scrutinati. Lo riferisce la commissione elettorale, citata dall'agenzia Interfax.

Alle sue spalle, con il 32,5%, il deputato Vitali Balasanian, un generale eroe del sanguinoso conflitto con Baku di fine anni Ottanta. Il terzo candidato, Arkadi Sogomonian, vicerettore dell'università agraria, ha raccolto solo lo 0,8%.

Baku ha definito il voto una "provocazione", mentre il capo della diplomazia europea Catherine Ashton ha ribadito che Bruxelles non riconosce il contesto costituzionale e legale delle elezioni e che la consultazione non pregiudicherà la determinazione del futuro status del Nagorno-Karabakh nei negoziati per la soluzione di questo conflitto congelato nell'ex Urss.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS