Navigation

NATO: allerta per insolita attività russa in cieli UE

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 ottobre 2014 - 20:04
(Keystone-ATS)

La Nato ha rilevato "una significativa attività militare aerea russa nello spazio aereo europeo su Mar Baltico, Mar Nero, Mare del Nord e Oceano Atlantico che rappresentano un livello insolito di attività aerea sui cieli europei": è quanto si legge in una nota della Nato. (ANSA)

La Nato ha "rilevato e monitorato quattro gruppi di aerei militari russi", si legge nel comunicato, "mentre conducevano manovre militari significative nello spazio aereo europeo su Mar Baltico, Mare del Nord/Oceano Atlantico e Mar Nero il 28 e 29 ottobre 2014".

"Otto aerei russi sono stati intercettati da F-16 dell'aviazione norvegese mentre volavano in formazione sul Mare del Nord/Oceano Atlantico, e li hanno identificati". Si tratta di quattro 'Tu-95 Bear H', bombardieri strategici, e quattro 'Il-78', aerei cisterna. La formazione volava dalla Russia sopra il mare di Norvegia in spazio internazionale. Sei dei velivoli russi sono tornati indietro tornando verso la Russia, mentre due hanno proseguito a Sud-Ovest paralleli alla costa norvegese. Il bomber e gli aerei cisterna non avevano piani di volo e non hanno mantenuto contatto con il controllo dell'aviazione civile perché non usavano transponder. "Questo pone rischi all'aviazione civile perché il controllo aereo non riesce a controllarli".

"Quattro sono stati intercettati sul Mar Nero, il 29 ottobre, nel pomeriggio, tra cui due bombardieri Tu-95 Bear-H e due jet d'attacco Su-27. Alle 4 erano ancora operativi nei cieli", si legge ancora. Infine, "molteplici aerei sono stati intercettati sul baltico, il 29 ottobre, tra cui due MiG-31, due Su-34, un Su-27 e due Su-24. F-16 portoghesi assegnati alla missione di pattugliamento del Baltico, sono stati fatti decollare in urgenza e gli aerei russi sono tornati nel loro spazio aereo". Altri sette Jet sono stati intercettati il 28 ottobre sempre nel baltico, alle 2.30 del pomeriggio. "La Nato ha intercettato oltre cento velivoli russi nel 2014, circa tre volte il numero del 2013", si legge ancora.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.