Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quote nazionali per l'accoglienza dei profughi e più mezzi per Frontex: l'Europarlamento ha approvato oggi a Strasburgo e a larghissima maggioranza, 449 sì, 130 no e 93 astenuti, una risoluzione congiunta sulla politica migratoria dell'Unione europea.

La risoluzione era stata firmata da socialisti, popolari, liberali e Verdi.

La Commissione europea - si legge nella risoluzione approvata dalla plenaria - stabilisca quote obbligatorie da assegnare ai singoli stati membri per distribuire i richiedenti asilo.

Inoltre i singoli Paesi facciano pieno uso delle opzioni già esistenti per concedere visti umanitari e considerino seriamente l'ipotesi di utilizzare la direttiva del 2001 sulla Protezione Temporanea.

Un testo che di fatto contiene richieste all'esecutivo europeo in vista della presentazione, il prossimo 13 maggio, della nuova strategia della Commissione sull'immigrazione. La risoluzione ribadisce l'appoggio a quanto stabilito dal Consiglio straordinario della settimana scorsa sul rafforzamento economico di Triton. Ma chiede anche di allargare il suo mandato, espandendo l'area di intervento e prevedendo anche il dovere di portare avanti operazioni di 'search and rescue'.

Si chiede agli Stati membri di lavorare a stretto contatto con Europol e Eurojust per combattere il traffico degli scafisti dentro e fuori i confini dell'Unione e di rinnovare l'appoggio all'Onu nei suoi sforzi negoziali per ristabilire un governo democratico in Liba e in Siria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS