Navigation

Nazionale: 20 donne in più, mai così forte l'aumento

Cuore di mamma: Katja Christ (Verdi liberali di Basilea Città) ha appena saputo di essere stata eletta al Nazionale e abbraccia il figlio. KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2019 - 11:00
(Keystone-ATS)

Cresce notevolmente la rappresentanza femminile in Consiglio nazionale: ieri 84 donne sono state elette alla Camera del popolo, contro le 64 del 2015.

La progressione di 20 mandati (+31%) è di gran lunga la più marcata da quando nel 1971 è stato introdotto il diritto di voto alle donne. Nelle elezioni di quell'anno a Berna era stata mandata solo una pattuglia di politiche, vale a dire 10: ogni quadriennio erano poi aumentate (a parte un lieve calo nel 2011) a ritmi comunque moderati, mai in doppia cifra.

La quota di donne al Nazionale rispetto al totale ha quindi beneficiato di una progressione di dieci punti percentuali, salendo al 42%, contro il 32% del 2015. Questo fa compiere alla Confederazione un balzo in avanti (dal 38esimo al 16esimo rango) nella classifica internazionale dei parlamenti più femminili, stando a un'analisi del portale Watson. Al primo posto in questa speciale graduatoria figura il Ruanda (61%), seguito da Cuba (53%), Bolivia (53%), Andorra (50%), Messico (48%) e Spagna (47%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.