Navigation

NE: chiesti 13 anni per padre che cercò di assassinare figlia

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 novembre 2010 - 20:51
(Keystone-ATS)

NEUCHÂTEL - Il pubblico ministero di Neuchâtel ha richiesto oggi alla Corte d'assise 13 anni di reclusione per un padre accusato di aver voluto uccidere la figlia nel corso di una lite con la moglie. L'accusa è di mancato assassinio, la Corte si esprimerà domani.
"L'imputato ha fatto il necessario perché la figlia morisse", ha dichiarato il procuratore nel corso della sua requisitoria, definendo irrazionale e deplorevole la tesi della difesa secondo cui la figlia di sette anni sarebbe saltata volontariamente dal balcone.
In base all'accusa, l'individuo ha trascinato la bimba sul balcone, situato al terzo piano, e l'ha fatta precipitare nel vuoto. Fortunatamente, la caduta è stata frenata da un tendone spiegato al 1. piano sottostante. L'impatto del corpo era pure stato attenuato da un boschetto situato davanti alla palazzina. Benché gravemente ferita, la bambina è sopravvissuta.
Il fatto era accaduto nel giugno 2009, nel corso di una lite fra l'imputato e la moglie. Dopo aver picchiato quest'ultima con una spranga di ferro, ferendola in modo grave, l'uomo se l'era presa con la figlia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?