Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo stato di salute di Yvan Perrin continua a far discutere a Neuchâtel. Le rivelazioni, pubblicate ieri da "Le Matin", sul candidato UDC al rinnovo del Consiglio di Stato neocastellano suscitano interrogativi in merito ad un'eventuale violazione del segreto medico.

Hôpital neuchâtelois (HNE) - la struttura che gestisce gli ospedali del cantone - annuncia oggi in un comunicato di voler esaminare la situazione, per determinare eventuali responsabilità nella fuga di notizie che ha consentito al quotidiano romando di pubblicare dettagli sul ricovero in ospedale del consigliere nazionale lo scorso dicembre, motivato ufficialmente da un attacco di panico.

Nel quadro di un un'intervista oggi a "L'Express" e "L'Impartial", Perrin indica di non voler presentare denuncia per violazione del segreto medico. "Ho soprattutto voglia di voltar pagina", dichiara il candidato, esprimendo la propria "intera fiducia" nel personale sanitario neocastellano.

Il consigliere nazionale - che nei giorni scorsi ha riconosciuto la propria "fragilità psichica" - spiega che la terapia alla quale si sottopone da dicembre "incomincia a dare risultati". Lunedì e martedì, il candidato ha inoltre subito controlli medici, il cui esito "è del tutto rassicurante". Perrin promette di divulgarne il contenuto nei prossimi giorni.

L'UDC neocastellana ha esitato la scorsa settimana sulla strategia da seguire in vista dell'elezione del 14 aprile. La pubblicazione, lunedì, delle candidature registrate dalla Cancelleria neocastellana ha dissipato tuttavia l'incertezza: il consigliere nazionale sarà effettivamente in corsa per uno dei cinque seggi dell'esecutivo cantonale, ambiti da complessivamente sedici candidati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS