Navigation

NE: proposto unico agglomerato delle tre città

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2012 - 16:17
(Keystone-ATS)

Il Consiglio di Stato neocastellano ha posto in consultazione un progetto "visionario": riunire in un solo agglomerato di 120'000 abitanti le città di Neuchâtel, Le Locle e La Chaux-de-Fonds, collegate fra di loro da una rete regionale di trasporto (RER) rapida ed efficiente. I neocastellani si esprimeranno in proposito il 23 settembre.

L'obiettivo dell'intero progetto - basato sul rapporto "Un cantone, una visione" adottato nel 2007 - è di trasformare Neuchâtel in "polo economico dell'Arco giurassiano, in trait d'union fra l'Altipiano svizzero e la Francia, fra l'Arco lemanico e la regione basilese", ha sottolineato il governo giurassiano in corpore oggi davanti ai media.

Elemento essenziale del progetto: l'allestimento di una rete di trasporto fra le tre città, in particolare il collegamento ferroviario diretto (TransRUN) fra Neuchâtel e La Chaux-de-Fonds, che permetterebbe di coprire la distanza in appena 14 minuti contro 29 attualmente e di ridurre i tempi di trasporto fra il cantone e Losanna, Berna e Zurigo.

Per il "ministro" delle finanze Jean Studer, il progetto stimato a 919 milioni di franchi è "fattibile" dal profilo finanziario, soprattutto tenuto conto degli eventuali contributi da parte delle FFS e della Confederazione. La possibilità di poter beneficiare di questi sostegni rappresenta un'opportunità "unica", che si presenterà "soltanto nel 2012", ha rilevato il socialista.

Per questo motivo, l'esecutivo neocastellano ha deciso di accelerare i tempi. Presentato ieri ai comuni, il progetto è posto in consultazione fino al 9 marzo. Spetterà poi al Gran consiglio pronunciarsi al riguardo, prima della votazione popolare del 23 settembre. I neocastellani dovranno decidere se iscrivere il principio di agglomerato nella Costituzione cantonale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?