Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il numero di aziende agricole continua a scendere in Svizzera: l'anno scorso ne sono sparite 1368 (-2,4% rispetto al 2012), per attestarsi a quota 55'207. La superficie utile è rimasta praticamente stabile a 1,05 milioni di ettari (-0,1%), ma gli impieghi nel settore, prevalentemente familiari, sono pure diminuiti, dell'1,9% rispetto all'anno precedente.

Nello scorso decennio un contadino su sei ha abbandonato l'attività. Dal 2003 il numero di aziende è regredito di quasi 10'700 unità, mentre il numero delle persone occupate è calato da circa 34'300 a 158'900, il 55% delle quali a tempo parziale, precisa oggi l'Ufficio federale di statistica (UST).

La scomparsa di alcune fattorie ha permesso a quelle rimaste di ingrandirsi. Le dimensioni medie sono ormai di 19 ettari (ha), mentre nel 2005 erano inferiori ai 17. Nel 2013 sono sparite soprattutto le aziende con dimensioni tra i 5 e i 20 ha (-4,1%), mentre quelle con più di 30 ha sono aumentate del 2,5%.

Il 98% delle imprese è a conduzione familiare, e i membri della famiglia costituiscono l'81% dell'occupazione. La proporzione di manodopera non familiare tende però ad aumentare lievemente. Le donne occupano il 37% degli impieghi, ma sono il 67% del personale a tempo parziale e solo il 5% dei capi azienda.

Secondo gli ultimi risultati dell'UST, sul 71% circa della superficie agricola utile (SAU) cresce erba. I cereali, principale coltura delle superfici aperte, si estendono sul 14% della SAU: 147’460 ettari. Di questi ultimi oltre la metà è occupata da cereali panificabili.

La produzione biologica ha sempre il vento in poppa: nel 2013 riguardava 6047 aziende, ossia 151 (2,6%) in più rispetto all'anno precedente. Essa occupa 128'000 ettari. La produzione animale è stata caratterizzata dall'incremento dell'1,2% registrato dal settore del pollame, dalla stabilità (-0,5%) del numero dei bovini e dall'arretramento del 3,8% di quello dei suini. La concentrazione della aziende ha comportato che, rispetto al 2012, il numero dei produttori di latte è diminuito del 2,3% e quello degli allevatori di maiali del 6,3%.

In Ticino nel 2013 si sono censite 1134 imprese agricole, per 58,2% gestite a tempo pieno (71,3% a livello nazionale). Esse hanno occupato 2927 persone, il 43,3% delle quali a tempo pieno (44,9%). La superficie utile totale, di 14'359 ettari, era per l'84% adibita all'erba (70,6%). In media, un'azienda ha un'area di produzione di 12,7 ettari (19 ha).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS