Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel 2015 l'autostrada viaggiante attraverso le Alpi svizzere ha superato per la prima volta la soglia dei 100'000 camion sull'asse Lötschberg-Sempione, di gran lunga il più importante. Complessivamente i camion trasferiti sono stati 110'500 (110'000 nel 2014).

Sulla tratta Friburgo in Brisgovia (D)-Novara (I) sono stati trasportati 100'500 camion (99'300 nel 2014), e altri 10'000 sulla tratta Basilea-Lugano (10'500 l'anno prima). Lo sfruttamento dei treni è stato in media dell'85%, riferisce un comunicato odierno di RAlpin, la società con sede a Olten che gestisce l'autostrada viaggiante (Rola, acronimo del tedesco Rollende Autobahn).

L'azienda, di cui sono azionisti BLS, Hupac, FFS Cargo e Trenitalia, sottolinea che l'abolizione del corso minimo dell'euro nel gennaio 2015 ha fatto aumentare i prezzi di trasporto; e ciò in un periodo in cui il costo del diesel è molto basso. Malgrado queste condizioni sfavorevoli i clienti hanno accettato la correzione dei prezzi.

Nel 2015 è stato possibile allungare i convogli da 21 a 22 "postazioni". Finora ciò non era possibile per motivi tecnici, aggiunge RAlpin. Ricorda poi che, dopo anni di progettazione, nell'ottobre 2015 è iniziata la ristrutturazione del terminale di Friburgo in Brisgovia, dove finora i treni possono essere caricati soltanto da sud, ossia in senso contrario alla direzione di marcia.

Ma - sottolinea la nota di RAlpin - per un aumento sostanziale della capacità, che consenta treni ben più lunghi per caricarvi fino a 34 camion, bisogna realizzare un corridoio di 4 metri (fra l'altro nella galleria del San Gottardo e in quella del Monte Ceneri) nonché nuove infrastrutture nei terminali a sud e a nord. I progetti sono già stati avviati, ma per concretizzarli occorreranno circa 10 anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS