Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ogni giorno nel mondo 507 donne e ragazze muoiano durante la gravidanza o il parto in situazioni di crisi quali terremoti e conflitti. Circa tre quinti delle morti per parto avvengono in paesi "fragili" o con emergenze varie.

Nel 2015, circa 100 milioni di persone hanno avuto bisogno di assistenza umanitaria e quasi un quarto, 25 milioni, sono donne e ragazze in età riproduttiva. Sono alcuni dei dati contenuti nel Rapporto 'Lo stato della popolazione nel mondo 2015' di Unfpa (Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione) presentato oggi a Roma in collaborazione con Aidos (Associazione italiana donne per lo sviluppo).

Ci sono circa 60 milioni di persone nel mondo, oggi, fuggite dalle loro comunità a causa di situazioni di crisi - rende noto il Rapporto - la cifra più alta registrata finora dalla Seconda Guerra Mondiale, e ogni anno circa 200 milioni di persone sono colpite da disastri naturali. E la probabilità di essere sfollati in seguito a un disastro è oggi del 60% più alta rispetto a quella degli ultimi 40 anni. Molte persone rientrano prima o poi nelle loro comunità, ma molte altre non tornano: i profughi trascorrono in media 20 anni lontano da casa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS