Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Migliaia di persone hanno reso l'ultimo omaggio oggi a Mosca a Boris Nemtsov, l'oppositore freddato venerdì notte a pochi passi dal Cremlino.

Nella camera ardente allestita nel centro Sakharov si sono presentati anche i vice premier Arkadi Dvorkovich e Serghiei Prikhodko, la portavoce del premier Dmitri Medvedev, Natalia Timakova, l'ex premier Mikhail Kasianov, ora all'opposizione e l'ambasciatore Usa John Tefft, che ha portato le condoglianze del presidente Barack Obama. Accanto alla bara la madre di Nemtsov, l'ex moglie e i figli.

Dopo quattro ore la bara è uscita tra gli applausi, diretta al cimitero Troyekurovskoye, alla periferia occidentale di Mosca, per i funerali. Alcuni hanno gridato "gli eroi non muoiono".

Media, seguito da tre auto in giorno uccisione

Boris Nemtsov sarebbe stato seguito da almeno tre auto venerdì scorso, giorno in cui è stato ucciso a colpi di pistola a poche decine di metri dal Cremlino. Lo sostiene la tv LifeNews, considerata vicina ai servizi segreti di Mosca, secondo cui a dimostrarlo ci sarebbero dei video ripresi da alcune telecamere di sicurezza e ora al vaglio degli investigatori. Lifenews ha diffuso inoltre un video sui primi minuti della fuga in auto del killer e dei suoi complici.

Kiev lo decora con Ordine della Libertà

Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha intanto decorato Boris Nemtsov con l'Ordine della Libertà, la massima onorificenza ucraina per uno straniero. Lo riferisce lo stesso capo di Stato su Facebook. "Per noi ucraini - scrive Poroshenko -, Boris resterà per sempre un patriota della Russia e un amico dell'Ucraina. Nella sua vita ha dimostrato che sono due cose compatibili, basta solo volerlo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS