Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ilià Iashin, uno dei leader dell'opposizione russa, boccia come "insensata" la pista islamica seguita dagli investigatori russi per l'uccisione dell'ex vice premier Boris Nemtsov, strenuo oppositore di Vladimir Putin. "Questa teoria insensata degli investigatori sulla pista islamica nell'uccisione - ha dichiarato - va bene al Cremlino e porta Putin fuori dalla linea di fuoco". In un'intervista alla Bbc Iashin ha affermato che i mandanti sono in Russia e all'interno del governo.

Iashin si dice inoltre "totalmente scettico" sul fatto che le due persone incriminate per l'omicidio di Nemtsov abbiano in effetti organizzato il delitto. "Chi ha premuto il grilletto sarà accusato - ha detto Iashin - mentre chi ha davvero ordinato l'uccisione resterà libero".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS