Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu.

KEYSTONE/EPA AP POOL/DAN BALITY / POOL

(sda-ats)

"La strada per la pace non passa per conferenze internazionali che cercano di imporre un accordo, che rendono le richieste palestinesi ancora più estreme e allontano la pace". Così il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu.

Il premier è tornato a criticare il summit dei ministri degli esteri di 27 paesi (Usa inclusi) che apre domani a Parigi nell'ambito dell'iniziativa francese di una Conferenza per riavviare le trattative di pace.

"Se i Paesi riuniti a Parigi vogliono veramente far avanzare la pace - ha spiegato Netanyahu - dovrebbero unirsi al mio appello nei confronti del presidente palestinese Abu Mazen di arrivare a trattative dirette. Questa è l'unica strada per la pace, non ci sono alternative". Al vertice di domani non parteciperanno né israeliani né palestinesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS