Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Un crimine abominevole". Così il premier Benyamin Netanyahu, citato dai media, ha definito il rapimento e l'uccisione di un ragazzo palestinese a Gerusalemme in quello che è ritenuto un possibile gesto di rappresaglia per la morte di tre ragazzi ebrei.

Netanyahu - che ha incontrato a Gerusalemme il ministro della pubblica sicurezza Yitzhak Aharonovich - ha chiesto "un'immediata inchiesta sull'uccisione del giovane palestinese e sulle circostanze intorno alla morte".

"Israele - ha aggiunto - è un paese di legge e ognuno è obbligato ad agire in accordo con la legge stessa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS