Navigation

Nettamente aumentato il numero di attacchi ai bancomat nel 2019

Il numero di rapine ai bancomat è aumentato notevolmente l'anno scorso in Svizzera: ne sono stati presi di mira 22, contro quattro nel 2018 e due nel 2017. KEYSTONE/TI-PRESS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2020 - 13:47
(Keystone-ATS)

Il numero di rapine ai bancomat è aumentato notevolmente nell'ultimo anno in Svizzera. Secondo l'Ufficio federale di polizia (Fedpol), nel 2019 sono stati presi di mira 22 distributori automatici di banconote, contro quattro nel 2018 e due nel 2017.

La Confederazione è particolarmente attraente perché ha ancora molti bancomat che contengono molti soldi", dice al domenicale Matin Dimanche il responsabile delle comunicazioni della polizia vodese Jean-Christophe Sauterel.

Il fenomeno proviene dai paesi vicini, precisa Fedpol. I crimini sono generalmente "commessi da piccoli gruppi di tre o quattro persone, legati a bande organizzate provenienti principalmente dall'Europa dell'Est".

Secondo un portavoce del gruppo bancario Raiffeisen, gli attacchi sono più probabili nelle regioni vicine ai confini e alle strade principali. Nel canton Ginevra l'anno scorso ne sono stati registrati otto, sei dei quali con esplosivi.

Le banche sono consapevoli di dover agire e stanno prendendo delle misure. Raiffeisen intende scoraggiare i ladri rendendo più difficile scassinare i bancomat, riempiendoli con meno soldi e intensificando la videosorveglianza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.