Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Otto studentesse nigeriane rapite assieme a oltre 200 compagne 71 giorni fa nello Stato di Borno sono riuscite a fuggire dal "carcere" dove erano trattenute dai miliziani islamici di Boko Haram. Lo riferisce la stampa nigeriana.

"È stato il potere di Dio che ci ha concesso di fuggire e metterci in salvo dai membri di Boko Haram nel campo di prigionia e dai Fulani (l'etnia di pastori musulmani, ndr) nella foresta", ha riferito una delle ragazze.

SDA-ATS