Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ha sfidato i rischi alla sua sicurezza personale per essere in Nigeria. La coraggiosa Malala Yousafzai è arrivata ieri, giorno del suo 17esimo compleanno, nel Paese africano dove deve incontrare le massime autorità, gli attivisti e le studentesse che sono riuscite a sfuggire ai militanti islamici del gruppo Boko Haram che hanno preso in ostaggio oltre 200 ragazze lo scorso aprile.

"Voglio riportare l'attenzione su questo problema così i leader mondiali manterranno la loro parola e daranno il loro contributo per far tornare quelle ragazze a casa", ha dichiarato l'attivista pachistana al Sunday Times, sottolineando che come successo a lei, quelle studentesse chiedevano solo di poter andare a scuola. "Questo fatto è stato all'attenzione del mondo per qualche giorno poi non se ne è più parlato", ha aggiunto.

Domani, nel cosiddetto Malala Day, il giorno che le Nazioni Unite hanno dedicato alla ragazza che è sopravvissuta a un attentato dei talebani per la sua campagna a favore dell'istruzione femminile, Malala lancerà un fondo da 145'000 sterline per borse di studio rivolte ai giovani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS