L'esercito nigeriano ha fatto sapere di aver sconfitto più di un centinaio di integralisti islamici dell'organizzazione radicale Boko Haram che nella notte avevano attaccato una località vicina a Maiduguri, città chiave nel nord-est.

I miliziani Boko Haram avevano lanciato nella notte un attacco "massiccio" contro la località di Konduga, a circa 35 chilometri da Maiduguri, capoluogo dello Stato nord-orientale di Borno. Secondo il portavoce dell'esercito Timothy Antigha, "dopo circa tre ore di intensi combattimenti, le truppe nigeriane hanno sconfitto i combattenti Boko Haram" che avevano messo in campo "più di cento terroristi" e hanno subito pesanti perdite.

Ieri le autorità politiche e militari locali, tra cui il Forum degli Anziani dello Stato di Borno, avevano dichiarato che i Boko Haram circondavano "completamente" Maiduguri e che l'attacco alla città era imminente. Avevano quindi chiesto al governo l'invio urgente di rinforzi militari.

Nelle ultime settimane i fondamentalisti Boko Haram hanno conquistato numerose città e villaggi, compiendo stragi di civili, stupri, saccheggi. A Maiduguri ci sono centinaia di profughi fuggiti da queste località e, denunciano testimoni, "muoiono di fame e d'angoscia".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.