Navigation

Nissan: crolla utile operativo sei mesi (-85%)

Nissan: crolla utile operativo (-85%) KEYSTONE/EPA/FRANCK ROBICHON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2019 - 12:43
(Keystone-ATS)

Crollo dell'utile operativo nei primi sei mesi dell'esercizio fiscale per la Nissan, costretta a ridurre drasticamente le stime sui profitti per l'intero anno.

La terza casa auto nipponica cita la rivalutazione dello yen, i maggiori costi delle materie prime e le prospettive limitate di crescita per il mercato auto a livello globale, come cause del rallentamento.

Nel periodo tra aprile e settembre l'utile operativo ha registrato una riduzione dell'85% a 31,6 miliardi di yen, l'equivalente di 262 milioni di euro, mentre il risultato netto vede una flessione del 73,5% a 63,3 miliardi, complice la brusca frenata del fatturato di quasi il 10%.

L'azienda colpita dalla crisi di fiducia dopo lo scandalo che ha seguito l'arresto dell'ex presidente Carlos Ghosn, esattamente un anno fa, per malversazioni finanziarie, ha ridotto le stime sull'utile netto a 110 miliardi di yen, dai precedenti 170, e sul risultato operativo, a 150 miliardi da previsioni di 230 miliardi.

Nissan ha inoltre annunciato che l'ex amministratore delegato, Hiroto Saikawa - succeduto a Ghosn, prima di dimettersi lo scorso settembre, e il suo omologo alla Renault, Thierry Bolloré, non faranno più parte del board. Un altro veterano all'interno della casa auto, il 64enne Makoto Uchida, prenderà le redini dal primo dicembre.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.