Navigation

Nobel Pace: Liu Xiaobo, una vita all'opposizione

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 ottobre 2010 - 11:23
(Keystone-ATS)

PECHINO - Nato nel 1955 nella città industriale di Changchun, nel nordest della Cina, Liu Xiaobo era un giovane e brillante professore universitario di letteratura quando scoppiò il movimento studentesco del 1989 e fu tra gli intellettuali che si schierarono con i giovani, partecipando con i dirigenti studenteschi Wang Dan e Wuer xi alla fondazione dell Federazione Autonoma degli Studenti che fu la struttura dirigente delle proteste. Più volte, Liu partecipò al fianco degli studenti ai falliti tentativi di dialogo con le autorità.
La situazione su piazza Tiananmen, occupata dagli studenti democratici, precipitò tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, quando fu chiaro che i riformisti del Partito Comunista, guidati dal segretario Zhao Ziyang, erano stati sconfitti e che il leader supremo Deng Xiaoping aveva scelta la via della repressione. Il primo giugno Liu, insieme al popolare cantante taiwanese Hou Dejan, aderì allo sciopero della fame proclamato dagli studenti. Nelle ore e nei giorni successivi Liu Xiaobo, secondo Andrew J. Nathan e Perry Link, autorevoli sinologi e responsabili della pubblicazione del libro "The Tiananmen Papers" - che rimane la ricostruzione più completa di quei drammatici avvenimenti -, si adoperò per cercare di convincere i giovani ad evacuare la piazza prima dell'intervento dell'esercito. Non ebbe successo, e il 4 giugno i soldati dell'Esercito di Liberazione Popolare sgombrarono la piazza con la forza, uccidendo centinaia di persone.
Pochi giorni dopo Liu Xiaobo, accusato di essere una delle "mani nere" che secondo il Partito Comunista Cinese manovravano gli studenti fu arrestato e trascorse 18 mesi in prigione dopo essere stato condannato come "controrivoluzionario". Nel 1995 fu condannato a tre anni in un campo di "rieducazione attraverso il lavoro" per aver diffuso articoli critici verso il governo. Scontata la pena, gli fu vietato di continuare ad insegnare.L' ex-professore continuò a criticare il regime autoritario con saggi e articoli che venivano pubblicati all' estero e diffusi clandestinamente in Cina. Negli anni precedenti al suo arresto, Liu era diventato uno dei principali punti di riferimento per gli dissidenti cinesi e gli attivisti dei gruppi internazionali per i diritti umani. È sposato con Liu Xia, anche lei un'insegnante. La coppia non ha figli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.