Navigation

Nobel per la Chimica a Goodenough, Whittingham e Yoshino

Il chimico giapponese Akira Yoshino, insieme a due colleghi è stato insignito del Premio Nobel per la Chimica 2019 (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/DMITRY LOVETSKY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2019 - 12:13
(Keystone-ATS)

Il tedesco John B. Goodenough, il britannico M. Stanley Whittingham e il giapponese Akira Yoshino sono i vincitori del Nobel per la Chimica 2019.

Il riconoscimento è stato assegnato agli inventori delle batterie agli ioni di litio, oggi comunemente utilizzate nei telefoni cellulari, personal computer e auto elettriche. John B. Goodenough, M. Stanley Whittingham e Akira Yoshino hanno così aperto la strada a fonti di energia diverse dai combustibili fossili.

Goodenough, 97 anni, è nato in Germania, a Jena, nel 1922 e dal 1952 ha lavorato negli Stati Uniti, nell'Università di Chicago e poi in quella del Texas ad Austin.

Whittingham, 78 anni, è nato in Gran Bretagna e dopo aver lavorato nell'Università di Oxford si è trasferito negli Stati Uniti, dove ha insegnato nell'Università di New York.

Yoshino, 71 anni, è nato nel 1948 in Giappone, a Suita; ha lavorato nell'Università di Osaka e poi nella Meijo University di Nagoya.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.