Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rafforzamento del dollaro, vendite in calo per i generici (Sandoz) e il settore Consumer Health, hanno inciso negativamente sull'andamento di Novartis nel primo semestre 2012: rispetto ad un anno fa l'utile netto è calato del 9%, a 5,05 miliardi di dollari.

Nello stesso periodo, il volume d'affari del colosso farmaceutico basilese si è attestato a 28,04 miliardi di dollari, in contrazione del 3%. Queste cifre confermano le attese degli analisti.

Nel solo secondo trimestre dell'anno (aprile-giugno), le vendite sono scese del 4%, mentre l'utile netto è rimasto stabile, aggiunge un comunicato odierno dell'azienda.

Stando alla nota, se il dollaro non si fosse rafforzato, nel secondo trimestre sarebbe stata registrata un'espansione del fatturato: a tassi di cambio costanti, le vendite sono infatti cresciute dell'1% a 14,3 miliardi e l'utile netto di ben il 5% a 2,7 miliardi.

Citato nel comunicato, il CEO Joseph Jimenez ha sostenuto che la divisione Pharma e la controllata Alcon - medicinali per malattie degli occhi - hanno ottenuto un risultato finanziario solido nel secondo trimestre.

Oltre a ciò, il ventaglio dei prodotti è stato rinnovato. I preparati lanciati sul mercato di recente hanno contribuito all'incremento del fatturato dell'8% a 4,1 miliardi. La loro quota nei ricavi globali è quindi salita dal 25% al 29%.

Questa evoluzione ha più che compensato il calo delle vendite in Europa del farmaco contro la pressione Diovan, il cui brevetto è ormai scaduto.

Novartis ha confermato le previsioni per l'esercizio in corso: un giro d'affari costante senza gli effetti di cambio e un margine operativo in minima diminuzione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS