Navigation

Novartis, Roche e altri: in Cina concedono sconti medi del 61%

Per crescere sul mercato cinese i colossi farmaceutici sono disposti a guadagnare meno. KEYSTONE/EPA/HOW HWEE YOUNG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2019 - 12:05
(Keystone-ATS)

Le aziende farmaceutiche internazionali vogliono incrementare la loro attività in Cina, un mercato che vale miliardi, e per farlo sono disposte a concedere enormi sconti.

Imprese quali Novartis, Roche e altre hanno concordato di tagliare le tariffe in media del 61% per vedere i loro prodotti inclusi in un elenco di medicinali rimborsati dallo stato.

L'entità dei ribassi è stata annunciata oggi dall'Amministrazione nazionale cinese per la sicurezza sanitaria (NHSA nella sua sigla inglese), riferisce l'agenzia Reuters. Nella lista dei preparati in questione figurano ad esempio il Perjeta, medicinale di Roche contro il cancro al seno, e l'Omalizumab, un farmaco di Novartis per curare l'asma. Quasi tutti i medicamenti hanno "i prezzi più bassi del mondo", si rallegra la NHSA.

Obiettivo delle aziende è aumentare i volumi, in special modo nelle città più piccole e dove vivono le fasce di popolazione meno abbienti. Esperti del settore fanno peraltro notare che la politica dei super-sconti in Cina potrebbe esporre i giganti farmaceutici a critiche su altri mercati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.