Redditività in calo per il gigante farmaceutico Novartis, che nel secondo trimestre dell'anno ha realizzato sulle attività proseguite utili in flessione del 32%, a 1,86 miliardi di dollari.

Gran parte del calo è da addebitare a effetti monetari: sulla performance di Novartis ha pesato in particolare il rafforzamento del dollaro. Il fatturato si è contratto del 5% a 12,69 miliardi di dollari, ma a cambi costanti risulta una progressione del 6%.

In valuta locale gli utili netti evidenziano un calo del 18% e il risultato operativo una flessione del 14%. La performance si situa leggermente al di sotto del consensus dell'agenzia finanziaria awp.

I dati relativi al primo semestre indicano una diminuzione degli utili del 20% su base annua, a 4,2 miliardi di dollari, su un fatturato in discesa del 6% a 24,6 miliardi di dollari. A tassi di cambio costanti le vendite sono progredite del 4%.

Per l'esercizio in corso la direzione ha confermato i propri obiettivi.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.