Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La National Security Agency (NSA) assieme all'Fbi ha controllato per anni le e-mail di cinque autorevoli musulmani americani, tra cui un uomo politico, e un attivista per la difesa dei diritti civili, oltre che un avvocato, e due accademici, sulla base di procedure segrete per individuare terroristi e spie straniere.

Lo scrive il giornale online The Intercept del giornalista Glenn Greenwald, facendo riferimento ad alcuni documenti ottenuti dalla cosiddetta talpa del Datagate, Edward Snowden.

Greenwald fa anche i nomi, tra cui spicca quello di Faisal Gill, già candidato repubblicano al Parlamento della Virginia e consigliere per l'intelligence al Dipartimento per la sicurezza interna durante l'amministrazione Bush. E anche quello di Nihad Awad, direttore del Council on American-Islamic Relations (CAIR), la più importante organizzazione islamica per la difesa dei diritti civili negli Usa. O ancora quello di Asim Ghafoor, un noto avvocato che ha rappresentato diversi imputati in processi per terrorismo.

I loro indirizzi e-mail compaiono in una lista in cui ne sono elencati in tutto 7485, tenuti sotto controllo tra il 2002 e il 2008 e appartenenti a esponenti di al Qaida, Hamas, Hezbollah. E tra quelli di cittadini americani ci sono anche gli indirizzi e-mail di Anwar al-Awlaki and Samir Khan, accusati di far parte di al Qaida e uccisi nello Yemen nel 2011 con un razzo sparato da un drone della CIA.

I cinque americani tenuti sotto controllo, scrive The Intercept, hanno condotto una vita pubblica esteriormente esemplare e hanno negato con forza qualsiasi coinvolgimento con il terrorismo o lo spionaggio. Nessuno di loro sostiene la jihad o è conosciuto per essere stato implicato in alcun crimine.

"Ho sempre considerato questa come una delle storie più importanti negli archivi di Snowden - ha detto Greenwald all'Huffington Post - perché mostra gli eccessi di sorveglianza da parte della NSA e illustra, ancora una volta, che gli abusi dello spionaggio interno normalmente prendono di mira le minoranze, i gruppi emarginati e i dissidenti".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS