Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nucleare: Francia, chiusura centrale Fessenheim con condizioni (foto d'archivio)

Keystone/EPA/CHRISTOPHE KARABA

(sda-ats)

Il consiglio di amministrazione dell'Edf, il gigante francese produttore di energia elettrica, ha convalidato la chiusura della centrale nucleare di Fessenheim, in Alsazia, ma non subito e con delle condizioni.

La domanda della chiusura, infatti, verrà mandata dall'Edf al governo 6 mesi prima della ripresa dell'Epr, il reattore di nuova generazione, della centrale di Flamanville, nel nord della Francia, previsto tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019.

La chiusura della centrale, la più vecchia in attività della Francia, era stata una promessa di François Hollande in sede di campagna elettorale e il presidente avrebbe voluto onorarla prima della fine del suo mandato, dopo un braccio di ferro che dura da 5 anni, ma non sarà dunque possibile.

La ministra dell'Ambiente Ségolène Royal ha comunque sottolineato che si tratta "di una buona decisione". Più di 200 dipendenti della centrale hanno manifestato davanti la sede dell'Edf di Parigi dove si è svolta la riunione in un clima di forte tensione.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS