Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Via libera alle sanzioni all'Iran. Dopo sei mesi di pressing dell'amministrazione Obama, il quarto round di misure punitive per convincere Teheran a rinunciare al suo programma nucleare è stato approvato oggi dal Consiglio di Sicurezza.
La risoluzione è stata approvata con dodici voti a favore, due contro e un astenuto. Hanno votato "no" Turchia e Brasile e il Libano si è astenuto. Il documento impone sanzioni alla Guardia Rivoluzionaria iraniana (i Pasdaran), alla maggiore compagnia di navigazione e a due delle sue banche. È esteso anche il bando alla vendita di armi e vengono fissate regole per i divieti in mare di navi sospettate di portare componenti per i programmi missilistici e nucleare di Teheran.
Dopo mesi di negoziati con Russia e Cina gli Stati Uniti hanno fatto concessioni per arrivare al voto di oggi: Washington avrebbe voluto misure più ampie contro il settore energetico iraniano e un maggior numero di banche. Il documento contiene però possibilità per sanzioni unilaterali quando ad esempio fa appello a esercitare vigilanza sulla banca centrale iraniana.
La risoluzione è "senza valore, da buttare nel cestino delle immondizie come una salvietta" (sporca), ha replicato il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad, citato dalla televisione di Stato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS