Navigation

Nucleare: Siria, programma Iran è per scopi pacifici

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2010 - 11:01
(Keystone-ATS)

DAMASCO - "L'Iran ha il diritto di proseguire il suo programma di arricchimento dell'uranio per scopi pacifici". Lo ha detto il presidente siriano Bashar al Assad al termine dell'incontro a Damasco col suo omologo iraniano Mahmud Ahmadinejad.
Al termine di un'ora di colloqui, Assad e Ahmadinejad si sono presentati di fronte ai giornalisti per una conferenza stampa, appena conclusasi.
A proposito della questione del nucleare iraniano, il rais siriano ha ribadito che "gli attacchi all'Iran per il suo programma assomigliano a una nuova operazione di colonialismo e di controllo occidentale della regione".
In risposta al segretario di Stato americano Hillary Clinton, che aveva ieri affermato di aver chiesto alla Siria di prendere le distanze dall'Iran, Assad ha ironizzato, dicendo che "col presidente Ahmadinejad ci siamo incontrati a Damasco proprio per firmare l'accordo di distanziamento". La frase scherzosa ha suscitato risate tra giornalisti e rappresentanti dei due Paesi.
Sul tema è intervenuto Ahmadinejad, che rivolgendosi direttamente al segretario di Stato Usa, ha detto: "Lei chiede a Iran e Siria di aumentare la distanza fra noi, ma evidentemente non sa che tra i due Paesi non esiste alcuna distanza".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.