Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TEHERAN - L'Iran si è congratulato per il risultato raggiunto dalla Conferenza di Revisione del Trattato di Non Proliferazione Nucleare (Tnp) che ha trovato ieri a New York il consenso su un Medio Oriente senza armi nucleari. Il documento finale auspica in particolare che Israele aderisca al Trattato mettendo le sue testate nucleari, mai dichiarate ufficialmente, sotto il controllo dell'Aiea, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica.
"E' un passo avanti verso la creazione di un mondo senza armi nucleari", ha detto in un'intervista all'agenzia ufficiale iraniana Irna Ali Asgar Soltanieh, rappresentante dell'Iran presso l'Aiea. Quanto alle riserve espresse dagli Stati Uniti sulla menzione di Israele nel documento finale, Soltanieh le ha definite "simboliche".
"Gli Stati Uniti - ha detto il rappresentante dell'Iran - sono obbligati a prendere in considerazione la richiesta della comunità mondiale, cioé che Israele aderisca al Trattato di non proliferazione e apra i suoi stabilimenti agli ispettori dell'Aiea".

SDA-ATS