Scoperta in Italia un'arma capace di colpire il tumore al seno controllando la crescita delle sue cellule staminali.

Pubblicato sulla rivista Oncogene, il meccanismo apre la strada a nuovi farmaci capaci di colpire selettivamente il 'motore' del tumore, ossia di interrompere la proliferazione delle cellule staminali che lo rigenerano continuamente.

Il risultato è stato ottenuto dal gruppo del Centro per la genomica dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) a Milano, con il sostegno dell'Associazione Italiana per la Ricerca su Cancro (Airc).

L'arma è un micro-Rna , ossia una piccola molecola di Rna che si comporta come un interruttore molecolare capace di accendere migliaia di geni. Chiamata miR-34a, la molecola è stata identificata dal gruppo guidato da Francesco Nicassio, coordinatore del Centro per la Genomica dell'Iit.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.