Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Nuova Caledonia, la colonia che vuole restare francese

Lo splendido paesaggio della baia di Noumea, capitale della Nuova Caledonia.

KEYSTONE/AP/THEO ROUBY

(sda-ats)

Parigi o Nouméa? A 165 anni dalla colonizzazione, l'arcipelago della Nuova Caledonia è chiamato domani a pronunciarsi, in uno storico referendum, a favore o contro l'indipendenza dalla Francia.

Gli oltre 175'000 elettori del minuscolo territorio del Pacifico meridionale, ricco in giacimenti di nichel, a oltre 18'000 chilometri da Parigi dovranno dire se vogliono che "la Nuova Caledonia acceda alla piena sovranità e diventi indipendente". Oppure no.

Negli ultimi sondaggi, almeno il 60% degli intervistati si è detto contrario all'addio a Parigi. In molti, tra i partigiani del 'no', evidenziano l'importanza della 'protezione' francese, il valore aggiunto di un passaporto europeo, il sistema di istruzione o anche gli 1,3 miliardi di euro stanziati ogni anno dalla madrepatria.

Il presidente Emmanuel Macron dovrebbe esprimersi domani in diretta tv, dopo la proclamazione dei risultati, intorno alle 13:00 (le 23:00 ora locale). Durante la sua visita a Nouméa, nel maggio scorso, il capo dello Stato si era guardato bene dal fornire indicazioni di voto. "Non prenderò parte a questo referendum", aveva detto, puntualizzando tuttavia che "la Francia sarebbe meno bella senza la Nuova Caledonia".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.