Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine mostra degli agenti della polizia di Neuchâtel (foto d'archivio).

Keystone/DOMINIC FAVRE

(sda-ats)

Un nuovo strumento per lottare contro la violenza nello sport è entrato in funzione il primo maggio in Svizzera. I Cantoni hanno affidato la direzione della Piattaforma di coordinamento polizia-sport (PCPS) alla polizia cantonale friburghese.

Tale struttura sostituisce il Servizio centrale svizzero in materia di tifoseria violenta (SZH) diretto dalla polizia zurighese e il cui mandato è terminato nel 2015. La polizia del canton Friburgo ha da subito assunto l'incarico ad interim. La Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP) ha dimostrato interesse a rinnovare la collaborazione.

L'obiettivo è di lottare in modo unito (politica, polizia, fedpol e partner sportivi) contro la violenza nello sport e di coordinarsi, sottolinea in un comunicato odierno la polizia friburghese. Essa seguirà in modo permanente gli eventi attuali, li valuterà e li comunicherà.

L'intenzione è quella di permettere alle manifestazioni sportive di svolgersi in modo festoso, ma anche di ridurre i costi legati alla sicurezza e al personale. I cantoni, i comuni e i club mantengono la sovranità per quanto riguarda le decisioni e continuano ad assumersi le proprie responsabilità, precisa la nota.

La piattaforma è diretta dal capitano Markus Jungo e la sede si trova a Granges-Paccot, presso Friburgo. I costi annuali ammontano a 525'000 franchi, ripartiti tra i cantoni. L'Associazione svizzera di football (ASF), la Swiss Football League (SFL) e Swiss Ice Hockey partecipano alle spese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS