Navigation

Nuove critiche di Bolsonaro a Cop25 e Greta Thunberg

Nuovi attacchi di Bolsonaro al tema ambientale. KEYSTONE/AP/ERALDO PERES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2019 - 13:37
(Keystone-ATS)

Il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, ha lanciato nuove critiche nei confronti di Greta Thunberg e ha dichiarato di aver rifiutato di organizzare la Cop25, conclusasi in Spagna, per impedire al Brasile di prestarsi ad essere lo scenario di un "carnevale".

"Greta ha dieci punti, quello che Greta dice è legge, perché alla stampa piace dare spazio a coloro che criticano il Brasile, lei ha parlato male del Brasile e questo ha un impatto enorme qui", ha detto il leader di Brasilia, che la scorsa settimana ha definito "una mocciosa" l'adolescente svedese.

Il vertice delle Nazioni Unite sul clima avrebbe dovuto svolgersi in Brasile, ma poco dopo essere stato eletto, il 28 ottobre 2018, Bolsonaro annunciò che stava annullando l'evento e non escluse la possibilità di denunciare l'Accordo di Parigi firmato nel 2015 per considerarlo una "minaccia alla sovranità brasiliana" sull'Amazzonia.

Alla fine il Brasile non ha abbandonato l'Accordo di Parigi e il ministro dell'Ambiente, Ricardo Salles, ha riconosciuto che entro il 2020 potrebbe esserci un nuovo record di deforestazione in Amazzonia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.