Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Nuove proteste Idomeni, MSF sdegnata lascia centro Lesbo

Nuove proteste di migranti e profughi nel campo di Idomeni, in territorio greco al confine con la Macedonia, dove circa 15 mila persone restano bloccate dopo la chiusura delle frontiere lungo tutta la rotta balcanica.

Siriani, iracheni e altri migranti mediorientali non vogliono arrendersi e continuano a chiedere la riapertura delle frontiere per riprendere il viaggio verso l'Europa occidentale.

A costo della vita, come dimostra il ritrovamento oggi dei cadaveri di due uomini, molto probabilmente migranti, al confine tra Bulgaria e Turchia. Ieri due profughi siriani si erano dati fuoco nel corso di una protesta a Idomeni. Manifestazioni contro la chiusura della rotta balcanica si registrano anche in altre isole greche.

In centinaia hanno bloccato il valico di Evzoni al confine greco-macedone, in territorio ellenico: Scandiscono slogan per l'apertura dei confini, chiedono alla polizia di consentirgli di entrare in Macedonia. Altri bloccano l'autostrada Polikastro-Salonicco, facendo passare solo le ambulanze. Intanto, dopo l'Unhcr che ha interrotto la sua azione negli hotspot, che considera ora 'centri di detenzione' dopo l'accordo Ue-Turchia, anche Medici Senza Frontiere ha deciso polemicamente di sospendere l'attività nell'hotspot di Moria, a Lesbo.

Una "decisione difficile, presa dopo l'accordo Ue-Turchia che porterà al ritorno forzato di migranti e richiedenti asilo: continuare a lavorare nel centro ci renderebbe complici di un sistema iniquo e disumano", ha spiegato Michele Telaro, capo progetto di Msf nell'isola. "Non permetteremo che la nostra azione sia strumentalizzata a vantaggio di un'operazione di espulsione di massa e ci rifiutiamo di essere parte di un sistema - aggiunge - che non ha alcun riguardo per i bisogni umanitari e di protezione di richiedenti asilo e migranti".

Msf ha interrotto il trasporto dei rifugiati al centro, chiuso la clinica, interrotto la fornitura di acqua e servizi igienici. A Lesbo, spiega una nota, Msf continuerà a gestire il proprio centro di transito a Mantamados, dove offre prima assistenza ai nuovi arrivati.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.